Vi presentiamo l’elenco dei principali trattamenti estetici dedicati al corpo femminile. Le ultime ricerche propongono tecnologie sempre nuove, vi invitiamo quindi a tenervi aggiornati tramite la sezione PARLA IL MEDICO all’interno di questo sito.

Intralipoterapia

Con il termine intralipoterapia si indica una modalità di infiltrazione indicata nella riduzione non chirurgica delle adiposità localizzate. Il protocollo di trattamento prevede l’utilizzo di due tipi di preparati a potenze variabili:

  • soluzioni iniettabili di fosfatidilcolina
  • Aqualix

 

La prima è una soluzione galenica mentre il secondo, più potente ed efficace, è registrato come medical device.

Indicazioni

Il trattamento non è indicato per la perdita di peso o per il magramento ma solo per la riduzione volumetrica di aree circoscritte definite come adiposità localizzate.

Aree trattabili

AddomeFianchiCoulotte de cheval, Interno cosceInterno ginocchiaDoppio mento.

Carbossiterapia

La carbossiterapia è una terapia sicura e priva di tossicità e consiste nella somministrazione sottocutanea di anidride carbonica medicale tramite microiniezioni localizzate con aghi sottilissimi. L’anidride carbonica viene controllata dalla CDT Evolution, unica apparecchiatura approvata dal Ministero della Salute.

Indicazioni generali

  • Dermatologia (psoriasi)
  • Chirurgia plastica (pre e post liposuzione)
  • Flebologia (insufficienze venose e linfatiche)
  • Angiologia (arteriopatie periferiche e microangiopatie, sindrome di Raynaud e acrocianosi)
  • Ulcere da decubito, diabetiche e tutte le ferite difficili

In Medicina Estetica

Nella cellulite si ottiene la riapertura dei capillari chiusi, l’aumento locale dell’ossigeno, la riattivazione del metabolismo e del drenaggio linfatico venoso. Dopo un ciclo di terapia i risultati estetici sono apprezzabili.
Si può trattare anche la lassità cutanea in quanto la carbossiterapia migliora qualità, colore ed elesticità della pelle.
Allo stesso modo smagliature e cicatrici, pur non scomparendo, migliorano significativamente.
Visocollo e decolletè si giovano dell’effetto lifting che la carbossiterapia procura.

Cavitazione

La cavitazione medica è un trattamento non chirurgico e non invasivo, finalizzato a ridurre lo spessore delle adiposità localizzate attraverso l’ utilizzo di ultrasuoni a bassa frequenza. Essa rappresenta una valida alternativa non invasiva alla liposuzione.
Grazie alla cavitazione medica è oggi possibile il rimodellamento corporeo non chirurgico, basato su un sistema ad ultrasuoni progettato per fare “implodere”, e successivamente eliminare, le cellule adipose. Al pari della liposuzione, la cavitazione medica può dare risultati definitivi, a patto che vengano rispettate le indicazioni mediche, e che la paziente osservi una corretta alimentazione abbinata a uno stile di vita attivo.

Omeomesoterapia

Consiste nell’iniettare miscele di farmaci omeopatici che non danno effetti collaterali né indesiderati.

Nel trattamento della cellulite, secondo il tipo, vengono miscelati farmaci ad azione drenante e riattivanti il circolo. Nell’anti aging viso, collo, decolletè e mani, si usanofarmaci stimolanti il collagene. I farmaci omeopatici vengono iniettati anche negli agopunti (tipici della medicina tradizionale cinese) specifici per la stimolazione di particolari organi o funzioni.

Trattamento

Si usa un singolo ago da mesoterapia con tecnica del microponfo. Il protocollo prevede generalmente un ciclo di 10 sedute settimanali e come terapia di mantenimento dei richiami di 8-10 sedute una o due volte l’anno. La durata del trattamento è di circa 10 minuti e a fine seduta si avrà un lieve arrossamento in sede di iniezione che scomparirà in circa 1 ora.

Fleboterapia (TRAP)

Cura le pareti delle vene del circolo superficiale e perforanti. La soluzione utilizzata, salicilato di sodio in veicolo idroglicerico tamponato, è a concentrazione non obliterativa. Il ripristino anatomico/funzionale delle vene perforanti consente di far sparire alla vista le vene visibili (anche se la soluzione non è obliterativa). L’uso di una soluzione non obliterativa rende irrilevanti gli effetti collaterali ( ecchimosi, raccolte di sangue endovasale….). E’ una cura della malattia varicosa, che rinforza la parete delle vene, restringe il lume, ripristina la funzione valvolare e fa scomparire alla vista tutti i vasi visibili: vene varicose, venule e teleangiectasie capillari.

Radiofrequenza

Si tratta di pulsazioni di onde di radiofrequenza che, penetrando nella pelle, stimolano la produzione di collagene permettendo alla pelle il recupero di tono e fermezza perdute. Attualmente la radiofrequenza è un buon metodo disponibile per la cellulite, per i cedimenti cutanei del collo, di guance, mandibola e braccia. Nel viso la sua applicazione ha come obiettivo principale di ridonare elasticità e tono; si ottiene un effetto simile al lifting, ma senza ricorrere al bisturi. Nel corpo la radiofrequenza contribuisce efficacemente all’apertura delle stazioni linfatiche permettendo un valido drenaggio; la pelle appare più liscia; migliora l’aspetto della “pelle a buccia d’arancia”.

La durata di ogni seduta dipende dall’area da trattare e dal problema da risolvere. Normalmente, già a partire dalla seconda seduta si inizia a notare un miglioramento, ma per poter apprezzare una contrazione della pelle, sono necessarie tra le 4 e le 8 sedute, a seconda della zona e del problema. Il rassodamento del collagene si mantiene ed è evidente per almeno due anni, ma per conservare il grado di contrazione del derma e dei tessuti profondi sono consigliate una o due sedute di mantenimento all’anno.

Endopeel

Endopeel o lifting non chirurgico è una tecnica medica per la realizzazione progressiva di lifting senza chirurgia, che fa uso di un’arma chimica brevettata per ottenere un lifting immediato e progressivo del viso, collo, decollete’, mani, glutei, interno cosce e altre parti del corpo.
Gli eventi che sono alla base dell’invecchiamento visibile sono: la ptosi del complesso muscolo- fasciale e dei tessuti sovrastanti, l’atrofia muscolo-adiposa e le degenerazioni della cute in gran parte foto-indotte.
Le tecniche ENDOPEEL hanno lo scopo di agire contemporaneamente sui 3 settori che risentono delle azioni dell’invecchiamento :

1) muscolo
2) tessuto adiposo e sottocutaneo
3) pelle.

Le tecniche ENDOPEEL provocano:
1) immediata ripresa del tono muscolare con riduzione della ptosi correlata
2) processo infiammatorio sottocutaneo con ristrutturazione tissutale
3) un peeling chimico superficiale
L’effetto lifting è immediato e visibile circa dopo 30 minuti dal trattamento.
La durata dell ‘effetto dipende dalla tecnica utilizzata ma non supera i 6 mesi.
La prima volta che si usa Endopeel l’effetto sarà di circa 1 mese, la seconda volta di circa 2-3 mesi; solo alla quinta volta l’effetto sarà di circa 6 mesi. Diversamente dal botulino più a lungo si userà Endopeel migliore sarà il risultato. Per questo motivo nella tecnica standard la prima sessione viene considerata in due tempi distanziati da un mese.
Bisogna concordare con il paziente sia i periodi di follow up che i trattamenti di mantenimento per garantire il plateau di risultato visibile.
Endopeel è un prodotto magistrale , costituito da una soluzione al 5% di Acido Carbolico in olio di arachidi mentolato.

 

Volete richiedere un appuntamento presso i nostri Studi? Cliccate QUI.